news

27/07/2011

La Nazione: Carducci, compleanno a Castagneto

Firenze (La Nazione) - Nella sua ultima “apparizione” è intento a liberarsi la vescica davanti ad un portone, dopo una serata ad improvvisare endecasillabi e bere vino con i vecchi amici. Così Marco Malvaldi nel suo “Odore di chiuso” immagina Giosuè Carducci nelle serate estive a Bolgheri. Di lui e della sua opera, la scuola post unitaria ne ha fatto un Vate, per generazioni di studenti è stato un terrore, obbligati a mandare a memoria “I cipressi che a Bolgheri alti e schietti/van da San Guido in duplice filar”, oppure “L’albero a cui tendevi / la pargoletta mano”. Recentemente anche Fiorello è riuscito ad imporre la sua vena popolare trasformando “La nebbia a gl’irti colli” in un motivetto di successo.

Ma se la sua fama rimane ancora oggi legata a quei versi, appare offuscata la memoria della sua biografia che fu intensa, appassionante e tutta dedicata alla poesia. Per questo Luigi Oliveto, giornalista e poeta egli stesso, ha voluto raccontarla in “Una vita da poeta” (coedizione Edizioni Effigi/primamedia editore) che verrà presentato oggi a Castagneto Carducci (Museo archivio carducciano, ore 18) da Roberto Barzanti in una iniziativa del portale toscanalibri.it e del comune di Castagneto intitolata “Buon compleanno Giosue”.

Giosue (l’accento finale aveva voluto toglierlo in tarda età), infatti, era nato il 27 luglio 1835 a Valdicastello in Versilia e, dopo il pellegrinare giovanile al seguito del babbo Michele, medico e patriota, era arrivato a Bolgheri e Castagneto, finendo per legare per sempre il suo nome a quello dei due borghi affacciati sulla Maremma deiDella Gherardesca. E anche se la vita lo aveva portato lontano, e a Bologna era diventato una celebrità nazionale quale titolare della cattedra di eloquenza fino ad ottenere, primo italiano, il premio Nobel nel 1906, aveva sempre voluto tornare tra queste genti.

Fu figura di spicco dell’anticlericalismo allora in voga, la poesia “A Satana” era recitata dagli anarchici e repubblicani in tutta Italia, ma finì per cantare un’ode alla Regina Margherita, che gli procurerà non pochi strali dalla sinistra ma anche la nomina a senatore del Regno. Nei sentimenti fu anticonformista, con molte storie di amori e passioni, come quella per Carolina, sposata con un ufficiale ex garibaldino, che sul letto di morte fu vegliata dal marito e, appunto, dal sommo Poeta. Una vicenda di menage à trois indubbiamente all’avanguardia per l’epoca. Ma in tutta la vita il suo rifugio sicuro rimase quel tratto di Maremma dove con gli amici amava fare “ribotte” a base di poesie improvvisate e gastronomia. E poi la notte davanti ai portoni….

Michele Taddei

altre news

14/11/2017

APPUNTAMENTI - Sillabari per millennials. Francesco Ricci presenta “La bella giovinezza” a Firenze

Francesco Riccipresenta il suo nuovo libro “La bella giovinezza. Sillabari per millennials” sabato 18 novembre alle ore 17.30 alla libreria Nardini Bookstore in via delle Vecchie Carceri /...

17/10/2017

La Nazione: Alla Biblioteca degli Intronati “La bella giovinezza” di Francesco Ricci

Siena (La Nazione) Alla Biblioteca degli Intronati, oggi, il 19 e il 26 ottobre incontri pubblici per presentare tre nuovi libri. Apre la rassegna, questa sera alle 17.30, nella Sala storica (via della...

14/10/2017

ANSA: "La bella giovinezza" di Francesco Ricci,da alcol a volontariato

Firenze (ANSA)  - Chi sono, cosa pensano e cosa sognano i giovani d'oggi? Prova a rispondere a queste e altre domande Francesco Ricci, docente senese di letteratura italiana e latina, e lo fa...

13/10/2017

La Nazione: “La bella giovinezza”. Manuale per genitori e figli

Siena (La Nazione) “Nessuno è molto serio quand’ha diciassette anni”. Inizia con la citazione di Arthur Rimbaud il nuovo libro di Francesco Ricci “La bella giovinezza”...

13/10/2017

Corriere di Siena: “La bella giovinezza”, l’ultimo libro del prof. Ricci. Il 17 ottobre presentazione agli Intronati di Siena

Siena (Corriere di Siena) “Nessuno è molto serio quand’ha diciassette anni”. Inizia con la citazione di Arthur Rimbaud il nuovo libro di Francesco Ricci “La bella giovinezza”...

10/10/2017

APPUNTAMENTI - Sillabari per millennials. Francesco Ricci presenta “La bella giovinezza” a Montelupo Fiorentino e Siena

Giro di presentazioni per il nuovo libro di Francesco Ricci “La bella giovinezza. Sillabari per millennials”. Sabato 14 ottobre alle ore 18.00 appuntamento nei locali della Pubblica Assistenza...

libri correlati

Luigi Oliveto

Giosuè Carducci. Una vita da poeta

“I cipressi che a Bolgheri alti e schietti / van da San Guido in duplice filar...

autori correlati

Luigi Oliveto

giornalista e scrittore. Ha pubblicato i saggi: La grazia del dubbio (1990), La festa difficile (2001; 2003; seconda edizione accresciuta), Il paesaggio...
  • partners:
  • Agenzia Impress
  • toscanalibri
  • agricultura
  • realizzazione siti web arezzo - exprimodesign