news

01/08/2011

Toscanalibri.it: Un diverso vate del Risorgimento, ne “Una vita da poeta” un originale profilo biografico del Carducci

Siena (Toscanalibri.it) Vuol anzitutto essere un agile profilo biografico, scritto con misurata arguzia e piglio narrativo, l’elegante libretto preparato con cura da Luigi Oliveto (Giosuè Carducci, una vita da poeta). Che è anche un invito a riscoprire un autore verso il quale si registra da tempo un’indubbia caduta di attenzione. Perché questa (relativa) dimenticanza? Eppure se c’è un poeta che ha dedicato con forsennato impegno la massima parte della sua opera all’epos nazional-patriottico è lui.

Il senso della storia di Carducci si tradusse in un pedagogico repertorio di quadri esemplari, in una galleria di eroiche personalità. Straordinario fu invece il suo ruolo nell’incitare ad una ricognizione filologica delle vicende che, secolo dopo secolo, avevano dato fisionomia e fascino alla plurale Italia per molti da esplorare come una terra sconosciuta. Come far oggi biografia – una nuova, svelta biografia – di un personaggio tanto celebrato? In fondo quel che conta è stabilire un rapporto reciprocamente funzionale tra dati e testi, tra accadimenti e parole, tra date e opere. Non servirebbe a nessuno un vano gossip molto postumo. Oliveto completa il piccolo volume – una guidina da portarsi dietro per seguire itinerari e momenti chiave – con una breve rassegna della fortuna critica e con un’essenziale antologia. E tratta la materia biografica con la dovuta leggerezza, scartando sia la strada di una dettagliata biografia intellettuale sia la sequenza di accattivanti aneddoti.

Nonostante il fervido nazionalismo proclamato fin dagli anni giovani, Carducci fu profondamente influenzato dal pensiero democratico francese: non è neppur pensabile senza Michelet, Proudhon, Quinet, Heine e Hugo. Lancinante fu in lui come in tanti contemporanei la delusione del post-Risorgimento. Si direbbe che quasi inauguri quella “letteratura dello sdegno” che in Toscana vanta molti nomi illustri: dal bonario Giuseppe Giusti a Indro Montanelli, da Giuseppe Prezzolini e Mino Maccari: anarcoidi e al tempo stesso conformisti, ribelli e uomini d’ordine. E anche lui: giacobino e massone, di accesi sentimenti repubblicani e di assoluta lealtà monarchica, sempre e sapientemente letterato, artiere di classicistici virtuosismi: “le alterne scelte politiche del Carducci – scrive Oliveto – rispecchiarono la parabola di una intera generazione di intellettuali italiani, che da giovani rivoluzionari divennero invecchiando monarchici conservatori”.

Le donne delle sue avventure sfilano a segnare come simboli idealizzati le età delle sua ruggente vita. Dalla quasi-cugina Elvira Menicucci, conosciuta quindicenne e sposata il 7 marzo 1859 e ben presto relegata nel’ombra a Annie Vivanti, la sofisticata compagna degli ultimi anni, quando sente il bisogno di tornare spesso in Maremma a respirar la fresca aria di gioventù, con moti di spropositata nostalgia. “Io sono stato a lungo – scrive ad Annie il 26 ottobre 1894 – in Maremma. Non più né anche un lupo. Dove quei poveri animali venivano a frotte nella sera urlando, ora fioriscono le viti – ingiallite a questi giorni – e i ragazzi suonano il mandolino. Le vecchie querci secolari furono abbattute a suon di violino, or sono più anni, e da per tutto olivi, frumento e orti. Solo nell’alto il verde cupo dei boschi; e qualche vecchio cignale, noiato del mondo, vi si ritira […] Non più bufali. Peccato! Qualcosa manca. Ma il vino è in gran copia e bonissimo”. E, com’è sacrosanto e doveroso, dalle sue parti lo considerano ancora un nume tutelare, al quale rendere cadenzati omaggi.

Roberto Barzanti

altre news

14/11/2017

APPUNTAMENTI - Sillabari per millennials. Francesco Ricci presenta “La bella giovinezza” a Firenze

Francesco Riccipresenta il suo nuovo libro “La bella giovinezza. Sillabari per millennials” sabato 18 novembre alle ore 17.30 alla libreria Nardini Bookstore in via delle Vecchie Carceri /...

17/10/2017

La Nazione: Alla Biblioteca degli Intronati “La bella giovinezza” di Francesco Ricci

Siena (La Nazione) Alla Biblioteca degli Intronati, oggi, il 19 e il 26 ottobre incontri pubblici per presentare tre nuovi libri. Apre la rassegna, questa sera alle 17.30, nella Sala storica (via della...

14/10/2017

ANSA: "La bella giovinezza" di Francesco Ricci,da alcol a volontariato

Firenze (ANSA)  - Chi sono, cosa pensano e cosa sognano i giovani d'oggi? Prova a rispondere a queste e altre domande Francesco Ricci, docente senese di letteratura italiana e latina, e lo fa...

13/10/2017

La Nazione: “La bella giovinezza”. Manuale per genitori e figli

Siena (La Nazione) “Nessuno è molto serio quand’ha diciassette anni”. Inizia con la citazione di Arthur Rimbaud il nuovo libro di Francesco Ricci “La bella giovinezza”...

13/10/2017

Corriere di Siena: “La bella giovinezza”, l’ultimo libro del prof. Ricci. Il 17 ottobre presentazione agli Intronati di Siena

Siena (Corriere di Siena) “Nessuno è molto serio quand’ha diciassette anni”. Inizia con la citazione di Arthur Rimbaud il nuovo libro di Francesco Ricci “La bella giovinezza”...

10/10/2017

APPUNTAMENTI - Sillabari per millennials. Francesco Ricci presenta “La bella giovinezza” a Montelupo Fiorentino e Siena

Giro di presentazioni per il nuovo libro di Francesco Ricci “La bella giovinezza. Sillabari per millennials”. Sabato 14 ottobre alle ore 18.00 appuntamento nei locali della Pubblica Assistenza...

libri correlati

Luigi Oliveto

Giosuè Carducci. Una vita da poeta

“I cipressi che a Bolgheri alti e schietti / van da San Guido in duplice filar...

autori correlati

Luigi Oliveto

giornalista e scrittore. Ha pubblicato i saggi: La grazia del dubbio (1990), La festa difficile (2001; 2003; seconda edizione accresciuta), Il paesaggio...
  • partners:
  • Agenzia Impress
  • toscanalibri
  • agricultura
  • realizzazione siti web arezzo - exprimodesign